IEZZO – Tutto Calcio Giovanile si occupa delle categorie Nazionali Under 15, 16, 17 (A-B e Lega Pro), Berretti, Primavera 1 e Primavera 2.

La nostra Redazione ha intervistato in esclusiva l’ex portiere del Napoli (ai tempi di Edy Reja) Gennaro Iezzo. L’ex azzurro lasciò il Cagliari in serie A (era anche in odore di Nazionale!) nel 2005 per andare a giocare nel Napoli in Serie C1, in quel Napoli che iniziava con Aurelio De Laurentiis a diventare sempre più importante.

A Gennaro Iezzo abbiamo chiesto il motivo per cui la Primavera del Napoli da anni non è competitiva e se si aspettava la retrocessione avvenuta ufficialmente qualche giorno fa a seguito della decisione del Consiglio Federale.

Ecco le sue dichiarazioni:

Dispiace molto che il Napoli Primavera sia retrocesso. La società partenopea è impegnata in Europa da tantissimi anni e ora vedere la Primavera partecipare ad un campionato di seconda fascia nella prossima stagione (Primavera 2) non è piacevole e consono al blasone e al prestigio che possiede la società e la piazza.

I problemi della Primavera, in verità, esistevano già da qualche anno, in quanto viene curata poco e ha anche cambiato parecchi allenatori negli ultimi tre anni: Ecco uno dei motivi per cui fa fatica ad imporsi contro le altre squadre italiane, anche se ha partecipato a competizioni di Youth League in più di un’occasione e non ha quasi mai dato l’impressione di essere una squadra poco competitiva al cospetto di avversari stranieri molto forti.

Gianluca Grava sta lavorando comunque tantissimo e bene sulle varie categorie Under e devo dire che sta portando avanti un lavoro eccellente. Chi rafforza la Primavera dovrebbe scegliere bene i ragazzi, anche perchè tutti si aspettano che qualcuno possa far parte della prima squadra nel breve periodo.”

Piero Vetrone